365 – Progetto – Foto 75

Adige

A valle di Verona, oltre Zevio, assume il tipico aspetto di un fiume di pianura, diminuendo progressivamente la propria velocità. Da questo tratto l’Adige scorre in un alveo pensile, cioè sopraelevato rispetto alla campagna circostante.Tale fenomeno è dovuto all’accumulo di sedimenti trasportati dalla corrente e alla costruzione di argini artificiali.
Nel primo tratto del suo corso, grazie alla forte velocità dovuta alla notevole pendenza, il fiume riesce a trasportare grossi massi. Man mano che diminuisce l’inclinazione dell’alveo, e quindi, la velocità di corrente, esso trascina con sè soltanto il materiale via via più fine, depositando quello di dimensioni maggiori.
Lungo il corso del fiume, da monte a valle, vengono quindi depositati prima i ciottoli, poi le ghiaie, quindi la sabbia e infine il limo.